Domenica 26 ottobre 2014 si è svolta la cerimonia di consegna di un Defibrillatore all’Oratorio Gentilino di Milano.
Bella iniziativa Lega Pro-Onlus Live: donato defibrillatore al Gentilino: Fattiva collaborazione dei club di Lega Pro: Pro Patria, San Marino e Virtus Bassano.

Bella iniziativa domenica 26 ottobre con la nostra associazione Live onlus ed alcune società di Lega Pro. Grazie alla collaborazione del sito TuttoLegaPro.com di Vittorio Ravazzini – che ha portato anche il ricordo di Piermario Morosini -, delle tre società di Lega Pro Patria, San Marino e Virtus Bassano e dell’agente Fifa Alessandro Ranieri, si è riusciti a ricavare i fondi per donare un defibrillatore all’oratorio del Gentilino in piazza Tito Lucrezio Caro, in zona Ticinese, a Milano.

Ranieri ha coinvolto nella lodevole iniziativa Giampaolo Calzi, calciatore professionista (centrocampista) quest’anno al Savoia in Lega Pro ed ex Vicenza, Pro Patria, Reggiana, Ravenna, Lecco e Perugia come testimonial e promotore della donazione e contando sulla fattiva attività di Massimo Andreatini per il San Marino Calcio, Renato Schena per la Virtus Bassano e di Mariano Armonia e Raffaele Ferrara fino all’anno scorso alla Pro Patria, per raccogliere un po’ di maglie dei giocatori delle tre compagini della Lega.  I “cimeli” sono stati messi all’asta e con il ricavato si è donato il defibrillatore all’oratorio del Gentilino, dove don Fabrizio Bazzoni, accanito tifoso della Cremonese, insieme a don Gerardo Bouzada, sacerdote da poco ordinato e di origini argentine, aficionado del Boca Juniors e conterraneo di papa Francesco hanno accolto e presentato i circa duecento bambini presenti della parrocchia.

In una splendida giornata di sole, sul nuovo campo di calcio ad otto della parrocchia e dopo l’introduzione del presidente della polisportiva “Gentilino”, Paolo Ottolina, il responsabile di Live, Ravazzini, ha ricordato l’importanza del defibrillatore ed il suo utilizzo, oltre a portare il saluto della famiglia e degli amici di Morosini, per “passare la palla” a Calzi che ha tirato due calci con i ragazzini, dopo la preghiera e la benedizione di don Bazzoni ai presenti ed al prezioso “salvavita”.